Presso la sede del CSCS. 

E' intitolato a Grazia Deledda il libro in esalettura “CHIAROSCURO”.

E' un progetto  nato nel 2016 in occasione delle celebrazioni per i 90 anni dal conferimento del  Premio Nobel  e gli 80 anni dalla morte di  Grazia Deledda, ed intende rendere disponibile in un sistema di esalettura l’opera della scrittrice premio Nobel.

Promotore è l'Unione Italiana dei Ciechi e Ipovedenti Onlus di Nuoro che ne ha dato il titolo: “Grazia Deledda in esalettura”.

Il cuore del progetto è rappresentato da una serie di incontri di lettura in tutto il territorio nazionale oltre che a Stoccolma (dove fu conferito il Premio Nobel), durante i quali due novelle sono lette da comuni cittadini: una da un lettore vedente, dal libro in normali caratteri di stampa in nero, e l’altra da ciechi da un volume in Braille. 

Il fine è quello di dimostrare che, quando si padroneggia un corretto strumento di istruzione quale è il Braille, non esistono differenze nella resa di una lettura pubblica. Inoltre, accanto ai lettori ci sarà sempre un interprete LIS (Lingua dei Segni Italiana) così che, in un alto momento di inclusione, alla serata di lettura possano partecipare anche i cittadini sordi, dimostrando così che, dotati degli opportuni strumenti didattici, la vita dei ciechi e dei sordi è perfettamente identica a quella delle persone che hanno invece la fortuna di vedere e di poter ascoltare. 

A tutto il pubblico presente sarà donato il volume dell'opera da cui sono tratte le letture.