Sabato 10 marzo 2018 - ore 17.30 - presso la sede del CSCS

  • Saluti: Giovanni Cervo * 
  • Presentazione: Pasqualina Deriu *
  • Letture a cura di: Rosa Muggianu *

È il 2 maggio 1871, quando Adele Mori, ricca fanciulla di provincia non ancora diciottenne, viene data in sposa all’eroe di guerra Giacomo Perra, trentacinquenne capitano dell’esercito del neonato Regno d’Italia. Trascorsi pochi anni di matrimonio con un marito incapace di soddisfarla sia come moglie che come donna, Adele decide di allontanarsi da Giacomo, tornando così a vivere con la sua famiglia a Cassano allo Jonio. Lì ritrova la felicità e la spensieratezza iniziando una storia segreta con Paolo Vescovi, saltimbanco di circo. Quest’ultimo, abbagliato dal desiderio di avere la donna tutta per sé, uccide il marito.

Inevitabilmente la vita della giovane Adele verrà travolta dallo scandalo e da un processo, che susciterà una morbosa curiosità e che si concluderà con la condanna dei due amanti.
Circa centocinquant’anni dopo, sarà Simonetta Cerri, una giovane ricercatrice universitaria, a fare luce su questa misteriosa storia di sangue e tradimenti. Attraverso le carte dei processi, gli articoli di giornale e le pagine di un diario ritrovato a palazzo Noce, l’antica residenza di Adele, Simonetta cercherà di ricostruire gli eventi che segnarono per sempre la vita di una giovane donna «travolta dallo scontro violento tra i suoi sogni e la realtà».

 

Ottavio Olita

Giornalista Rai dal 1988 a 2013, in precedenza aveva lavorato come Capo dei Servizi Culturali nel quotidiano La Nuova Sardegna. Aveva cominciato la carriera nell’agenzia giornalistica Ansa. Prima di approdare a questa attività professionale ha insegnato – dal 1974 al 1980 - Lingua e Letteratura Francese nell’Istituto di lingue della Facoltà di Magistero di Cagliari.

Da cronista di nera e giudiziaria è  poi passato alle pagine culturali della Nuova Sardegna, in Rai si è occupato anche di sport (“90’ Minuto” e “Stadio Sprint”), di ambiente (“Ambiente Italia”), di cultura ( “Tg l’una”), di esteri (inviato a Mosca nel 1991 per il Tg2). Ha concluso con la qualifica di Conduttore e Capo Servizio.

Ha curato varie pubblicazioni periodiche come “Altair”, “Ideas”, “Spettacolo”  “Medicina & solidarietà”. Prima di approdare alla narrativa ha dato alle stampe vari saggi e ricerche. I più importanti: “Sardegna in fiamme. Prospettiva il deserto”, Stef; “Vite devastate. Il caso Manuella”, Edes; “San Sperate. All’origine del muralismo”, AM&D editore.

L’oltraggio della sposa – edito da Città del sole – è il suo sesto romanzo. I precedenti sono stati La Borsa del colonnello e Il futuro sospeso editi dalla Cuec;  Il faro degli inganni, 2011 e Codice libellula La verità negata, 2013, entrambi Edes ; Anime rubate, 2015, Città  del Sole, con il quale ha vinto il premio ‘Selezione libro dell’anno 2015’, bandito dal ‘Salotto letterario’ di Osilo.